4 semplici mosse su come organizzare una giornata di lavoro da casa

pianificazione-lavoro-da-casa

Covid, smartworking, lavoro da casa.

Ecco come potremmo riassumere la vita di molti lavoratori del 2020.

Questi ultimi mesi hanno un po’ stravolto la nostra classica “vita da ufficio”: pro e contro a parte, la realtà è che adesso molte più persone hanno iniziato (o continuato) a lavorare “comodamente” da casa e, di conseguenza, avere una diversa pianificazione del lavoro.

Lavorare da remoto: 4 passaggi per la pianificazione del lavoro

Complici i video sponsorizzati su Instagram che ci raccontano solo il piacere di lavorare da remoto, organizzare il lavoro da casa è cosa tutt’altro che semplice.

Postazioni lavorative fighissime, posti esotici e un drink in mano da un lato; dall’altro tu, seduto al tavolo della tua cucina, con il tuo partner o la tua famiglia nelle stesse condizioni, a fare i turni per parlare al telefono. 

Lo capisco, ci sono passata anche io. So che la realtà a volte è ben diversa da un video.

In più, a volte non è neanche così semplice organizzare in autonomia il lavoro: l’autonomia è bella, ma solo se sai come fare e non ti perdi in cose inutili. Quindi, come organizzare una giornata di lavoro da casa?

Vediamo insieme 4 semplici mosse utili alla pianificazione del lavoro.

  1. Chiarezza delle cose da fare
    Cos’hai da fare oggi? Ce lo hai chiaro oppure alle 9:00 inizi e “lo scoprirai solo vivendo”?
    Ecco il primo consiglio: inizia la tua giornata con una “to do list” e l’agenda davanti.
    Per quanto riguarda l’agenda io uso Google Calendar, per organizzare le task giornaliere puoi provare i reminder di calendar, Trello o il classico foglio di carta.

Da leggere: Come organizzare l’agenda, se sei un procastinatore

2. Trova la tua postazione
Come ti dicevo prima, non sempre sei da solo/a o magari vivi in un bilocale, lo capisco.
Cerca il più possibile di ritagliarti un posto e sgomberarlo dalle cose che non riguardano il tuo lavoro: usi il tavolo della cucina? Liberalo da piatti, bicchieri, cose che non c’entrano.
Usi la tua scrivania? Lascia solo il pc, foglio, penne e ciò che ti serve di più essenziale. Sposta, ad esempio, foto delle vacanze o quaderni di matematica.
A cosa serve? A far sì che il tuo cervello sia focalizzato su ciò che stai facendo: ti farà risparmiare tanto tempo in distrazioni e potrai rispettare meglio la pianificazione del lavoro.

3. Alterna con le pause
Ti alzi ogni tanto dalla sedia? Sì? No?
Ti suggerisco di farlo ogni 45-60 minuti.
Il nostro cervello dopo quel tempo lì è saturo, non riesce più a lavorare in modo lucido.

Quindi come organizzare una giornata di lavoro? Fai in modo da avere 5-10 minuti di tempo tra una riunione-chiamata-impegno e un altro.

Da leggere: L’ organizzazione del tempo: come cambia il suo valore durante le giornate

Errore tipico di chi non è bravo nella pianificazione del lavoro è mettersi appuntamenti uno dietro l’altro: inizi alle 9, poi alle 10, 11, etc.

Se sai che l’appuntamento dura più o meno 1 ora, metti quello successivo alle 10.30.

Che farai in quella mezz’ora? Avrai tempo per staccare 5 minuti, bere un po’ d’acqua e fare due passi (anche se vivi in 40 metri quadri, sì) ed eventualmente prepararti per quello che hai dopo.
Altrimenti rischi di arrivare a metà giornata saturo/a e/o ritardare anche negli appuntamenti (se ad esempio ci sono imprevisti o quello precedente dura qualche minuto in più)… E arrivare tardi non è per niente positivo.

  1. Datti delle regole
    Sapevi che la maggior parte delle persone che inizia a lavorare da casa testimonia di lavorare di più?

Pensaci: non ci sono più spostamenti, file per il pranzo, caffè con i colleghi. Soprattutto, non c’è più l’orario di “uscita”. 

Spesso mi è capitato di lavorare oltre il mio orario d’ufficio perché “tanto sono già a casa”: di solito uscendo alle 18 dall’ufficio alle 18.45 ero a casa. Invece, quando già direttamente a casa, lavoravo anche di più.
Che non c’è niente di male, attenzione.

Da leggere: Le 5 abitudini di successo per farcela nella vita come le vere imprenditrici

Io sono innamorata del mio lavoro e spesso neanche mi rendo conto del tempo che passa… Eppure, impara a darti delle regole.
Fai pause, inseriscile nella pianificazione del lavoro, decidi l’orario di fine. Altrimenti la tua produttività si abbasserà.

E tu come organizzi la tua giornata a lavoro?
Ci sono altre “mosse” che consiglieresti? 🙂 

Fammele sapere nei commenti,

Alla prossima,

Loredana

SHARE THIS

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email

Potrebbero interessarti..

Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego e accetti la Privacy policy