Didascalie da mettere sulle foto Instagram

Didascalie da mettere sulle foto Instagram

Se anche tu fossi incerto sulle didascalie da mettere sulle foto Instagram, probabilmente ci sono degli aspetti poco chiari sulla logica che si cela dietro ogni pubblicazione. Oggi ti spiego l’importanza di pianificare minuziosamente ogni contenuto da mostrare ai tuoi fan.

Partiamo dal concetto che ogni post Instagram, o di qualsiasi altro social network tu voglia pubblicare, deve nascere da una strategia ben precisa.
Secondo punto, ogni post può far nascere diverse azioni da parte dei followers e quindi devi capire qual è quella che cerchi tu per ogni singolo post. Mi spiego meglio…

Didascalie da mettere sulle foto Instagram: ragioniamoci insieme

Frasi da mettere su Instagram sotto una foto

Recentemente ti ho suggerito che post scrivere su Instagram, che si differenzia sensibilmente sulle didascalie più appropriate. In questa guida andremo più sul pratico.

Quali frasi devi mettere su Instagram, sotto una foto?

  1. Fissa un obiettivo

    Come ti mostro nell’immagine qui in alto, ogni post Instagram ha dei pulsanti che invitano a un’azione ben precisa. Prima di pubblicare un contenuto a caso, dovrai decidere quale azione vuoi che compiano i tuoi followers.

    Ad esempio, se puntassi al like, ti basterà scattare una fotografia particolare o di elevata qualità, lasciando più spazio magari alla foto stessa che alla didascalia.

    Ti piacerebbe ricevere un commento? Ovviamente se la tua community fosse troppo fresca, potresti scrivere anche delle frasi impattanti e coinvolgenti, ma saranno meno propensi ad interagire.

    In ogni caso, opta per un confronto reale, ad esempio rivolgiti a loro, chiedendogli di esprimere la loro opinione su qualcosa che li faccia sentire coinvolti. Ipotizziamo tu ti occupi di cucina, prova a stimolare un commento chiedendo quale ricette sono soliti utilizzare rispetto a ciò che gli mostri o magari se hanno dubbi o domande sulla sostituzione di un ingrediente.

    Infine, ci sono i salvataggi e le condivisioni, estremamente importanti per dare valore al tuo profilo IG. In questo caso la didascalia (oltre al contenuto), dev’essere informativa, più tecnica (sempre rispetto al tuo tone of voice): qualcosa che a loro sarà così utile che vorranno condividerla con qualcun altro e/o salvarla per guardarla in un momento successivo.

  2. La lunghezza di una frase sotto ogni foto su Instagram

    “Look of the day”, “metti un po’ di musica leggera che non ho voglia di niente”.
    Un profilo business o di content creators che si rispetti, non può permettersi di inserire frasi standardizzate in inglese o peggio, di alcune canzoni. Semplicemente perché una didascalia deve coinvolgere il pubblico, attrarlo con parole impattanti e, soprattutto, proprie.

    Quindi, una volta trovato il focus (commento, salvataggio, like o condivisione) e averti mostrato un esempio di frase che potrebbe andar bene per i tuoi followers, è giunto il momento di parlare della famosa lunghezza di una didascalia.

    Sul web troverai diversi pareri discordanti, chi ti incita a cimentarti in lunghezze paragonabili a quelli di un micro articolo di un blog, chi sostiene non vadano superate le 3 righe e così via.

    Ma qual è realtà dei fatti? Che non esiste una verità assoluta. Dipende tutto dalla tua audience, dal contenuto e da ciò che vuoi trasmettere.

    Ad esempio, sei un fotografo e pubblichi immagini di elevata qualità e coinvolgenti? Potresti parlare del backstage su cui hai lavorato per ottenere quei risultati oppure limitarti a descrivere brevemente (in modo accattivante, certamente) lo scatto.

    Ti occupi di massaggi e mostri un trattamento rilassante? Parlare dei suoi benefici e del motivo per cui un cliente dovrebbe affidarsi a te.

  3. Didascalie formali o informali?

    Poco importa che tu scriva frasi o didascalie formali o informali, quello che vale è cosa apprezza la tua audience. Hai avuto modo di testare se il tuo pubblico è più propenso a parole semplici piuttosto che tecniche?

    Riportando nuovamente un esempio di cucina, potrai adattare diverse tipologie di didascalie, ma sempre attenendoti a quello che vogliono i tuoi fans:

    – Oggi ti svelerò gli ingredienti segreti per preparare un pranzo delizioso e fit. Non pensi di esser pronto a questa genuinità? Testiamolo. etc…

    – Pasta alla carbonara fit, sai come si prepara? Inizia con questi ingredienti, etc…

    Come vedi, due tipologie di comunicazioni differenti. Una tende a coinvolgere il pubblico con una sottigliezza ironica ed empatica, l’altra, dritta al punto e tecnica.

Adesso ti è più chiaro quali didascalie consiglio di mettere sotto le foto Instagram?

condividi

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego e accetti la Privacy policy