Il segreto per risvegliare la nostra coscienza è… farsi la doccia!

risvegliare la coscienza con un phon

Ci sono diversi guru che parlano di metodi e tecniche per risvegliare la nostra coscienza. Ma non è in questo articolo che te ne voglio parlare. 

Piuttosto, nei prossimi paragrafi voglio raccontarti un episodio che è servito a me per risvegliare la coscienza, a compiere, cioè, un primo passo verso la consapevolezza.

Accettare la vita per quella che è, non vuol dire rassegnarsi. 

Prendere consapevolezza di un cambiamento, accettare la vita per quella che è, non vuol dire rassegnarsi. Ogni momento è buono per risvegliare la coscienza, per cogliere consapevolmente l’importanza di un cambiamento. 

Ma non è mia intenzione annoiarti con queste domande esistenziali. Vorrei solo parlarti e condividere con te un momento che mi ha fatto riflettere sull’ importanza di accettare la vita per quella che è.

Qualche mese fa ero sotto la doccia e tra un’insaponata e un’altra ho messo una playlist che non ascoltavo da un po’. Tranquillo, da allora mi sono lavata altre volte! Eheheh!

Dicevo, mentre ero sotto la doccia intanto di là partiva Spostato di un secondo, di Marco Masini.

Non lo ascoltavo da un po’.

La vita comincia e sei sulle gambe, su una dura salita. Hai speso i tuoi anni a studiare le carte, ma non ricordi la meta. E devi tornare di nuovo all’inizio, e perdere tutto”.

Facevano così i versi de La vita comincia, appartenente allo stesso album.

L’avevo ascoltata per la prima volta in tv, a Sanremo 2017, e mi era rimasta impressa nella mente. 

Era come se avesse risvegliato la mia coscienza a fare una riflessione su un cambiamento che non riuscivo ancora ad accettare. 

Erano circa due settimane che avevo lasciato il lavoro. 

Da leggere: Il percorso di crescita personale inizia sempre di lunedì

Ero ancora un po’ scossa, arrabbiata. 

Mi sembrava di aver perso tempo, di aver distrutto tutto ciò che fino a quel momento avevo pazientemente costruito. 

Mi sentivo come chi inizia a costruire una casa e ne cura i dettagli: dal progetto alla scelta dei materiali, passando per la pittura e l’arredamento. 

E poi? Niente. Poi, distrugge tutto.

Ho lavorato tutti i giorni, in tutte le condizioni climatiche, ininterrottamente, anche mentre gli altri erano in vacanza. Ho costruito tutto, passo dopo passo. 

E proprio quando mancavano solo le ultime tegole, ho distrutto quella casa con un bulldozer. 

“ Se non è concesso cambiare il passato, proviamo ad amarlo”.

La traccia continuava ad andare e io sotto la doccia mi soffermavo a riflettere su queste parole, sull’ importanza di accettare la vita per quella che è, di accogliere il mio nuovo presente.

Uscita dalla doccia avevo capito. 

Avevo capito perché provavo frustrazione, rabbia, nonostante sentivo che quella fosse la scelta migliore per me.

Ora capisci perché credo che il segreto per risvegliare la nostra coscienza… sia farsi la doccia? 

Scherzo ovviamente. 

Non è di certo un tema da banalizzare così, ma capiscimi: vorrei che tu lo viva con leggerezza.

In quel momento, ho capito che accettare la vita per quella che è può essere un gioco da ragazzi se lo si vuole. 

Ho imparato che il segreto è guardare meglio noi stessi, nella nuova versione. 

Non dico che sia facile, ma è la cosa migliore per il nostro cuore.

E spesso le cose migliori per il nostro cuore sono le più impegnative.

Loredana


condividi

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email

Un commento su “Il segreto per risvegliare la nostra coscienza è… farsi la doccia!”

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego e accetti la Privacy policy