Imparare a saper dire di no, non fa di noi degli stronzi

cosa vuol dire essere assertivi

Saper dire di no quando comunichiamo con il nostro interlocutore è spesso un problema.

Ai nostri amici, sul lavoro, al nostro capo: sono molte le circostanze in cui questa difficoltà ci si presenta, eppure proprio non riusciamo a superarla.

Tuttavia, è bene conoscerne le conseguenze.

Cosa vuol dire essere assertivi?

Nelle relazioni, che siano personali o sociali, la mancanza di assertività ha lo stesso effetto della caffettiera senz’ acqua: prima o poi scoppia. 

cosa vuol dire essere assertivi

Ma facciamo un passo indietro: cos’è l’assertività? 

Essere assertivi è la capacità di riconoscere le proprie emozioni e di esprimerle in modo efficace, esternando quindi i propri bisogni, desideri, volontà.

E’ anche un atteggiamento mentale nei confronti di se stessi e degli altri: la persona assertiva è quella sicura di se stessa e dei suoi diritti, che quindi non si sente minacciata o impaurita all’idea di esprimere la propria opinione. 

Da leggere: Sentirsi in gabbia, prima di spiccare il volo

Parlando sempre di definizione di assertività, ho specificato che bisogna esprimere le proprie emozioni in modo efficace: assertività NON significa vomitare parole di rabbia su chi ci sta intorno. Quella si chiama aggressività, ed è una delle due alternative dell’assertività.

L’altra alternativa è la passività: il comportamento di sottomissione tipico di chi non riesce a saper dire di no, di chi non si schiera, non dice ciò che pensa e tiene tutto dentro. 

Facciamo un esempio: immaginiamo che ci sia una persona insicura sul piano relazionale e che abbia spesso paura di perdere i propri amici e per questo, di saper dire di no: quella persona se ha un’opinione opposta a quella che sta esprimendo un membro del gruppo di amici, la dirà apertamente? 

Oppure, avrà paura di non piacere più a quelle persone?

Probabilmente la seconda. 

non saper dire di no

E come si sentirà quella persona nel non poter dar voce alle sue idee? Insicura, fragile, frustrata. 

Al contrario, una persona sicura, dirà in modo assertivo ciò che pensa.

Ovviamente questo è solo un esempio, che in modo riduttivo e semplificato vuole far emergere la radice della mancanza di assertività: l’insicurezza.

Cosa succede quindi se non si è assertivi e si attua un approccio più passivo?

Ci sono delle conseguenze sia a breve che lungo termine. 

A breve termine, chi non è assertivo si trova probabilmente a vivere emozioni come frustrazione e tristezza. E ciò vale sia in esempi banali come la scelta del film al cinema che in cose importanti come proposte di trasferimento, ad esempio.

Perché magari dici di per non far rimanere male l’altra persona, per non fare lo stronzo, perché hai paura che ti lascino a casa dal lavoro. Ma così facendo, a chi stai dicendo realmente di no? A te stesso, a ciò che vuoi.

E qui torniamo alla caffettiera (lungo termine): arriverà un momento in cui non ce la farai più, in cui ti scatterà qualcosa dentro e scoppierai, esattamente come una caffettiera senz’acqua… Magari ti è già successo e sai di cosa parlo.

Spesso mettiamo davanti il bene degli altri perché abbiamo paura di perderli, vogliamo sentire di appartenere a qualcosa, vogliamo piacere. 

Ma è bene che impariamo a saper dire di no, senza sentirci in colpa.

Da leggere: Sentirsi dei falliti: ecco cosa ho imparato da questa esperienza

È importante riuscire a prendere coscienza di questi pensieri, per superare la minaccia e amare di più noi stessi.

Già, amare di più sé stessi: è questo il cuore dell’atteggiamento assertivo, saper dire di no agli altri nel tentativo di superare la nostra insicurezza.

D’altronde, se una persona è sicura di se stessa e delle sue relazioni perché mai dovrebbe pensare che dicendo di no a un invito a cena il rapporto si sgretoli?

Essere assertivi è anche un modo per scegliere chi avere accanto: preferiresti una persona che ti asseconda sempre oppure una che ti dice le cose come stanno, che si prende cura di se stessa?

Ricorda: saper dire di no alle persone, a lavoro o al fidanzato non vuol dire essere stronzi, significa semplicemente essere assertivi… E amarci di più.

Alla prossima,

Loredana

SHARE THIS

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email

Potrebbero interessarti..

Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego e accetti la Privacy policy